Equilibrismi e squilibri sociali: la vera crisi non sara’ economica, ma ecologica?

Ho appena passato un periodo nel mio paesino, un posticino di 638 anime sull’Appennino dove le voci del mondo arrivano filtrate e di certo i vecchi seduti fuori dalle porte delle case la sera non aspettano il Grande Fratello per avere qualcosa di cui parlare… Mi e’ servito per disintossicarmi e per ripartire col mio lavoro, ma mi ha anche dato tempo per leggere e per cercare risposte. Qualche giorno fa ho scovato Worldmeters e ho guardato per un po’ quei numeri che cambiavano davanti ai miei occhi: non so come facciano le statistiche, ma ci sono un sacco di informazioni interessanti e al tempo stesso preoccupanti. Ad esempio: piu’ di 920 milioni di persone sono sotto o malnutrite, mentre oltre un miliardo e mezzo sono sovrappeso e mezzo miliardo obese… si spende circa mezzo milione di dollari al giorno per curare malattie causate dall’obesita’ o per fare diete… non sarebbe piu’ semplice mangiare meno e meglio e magari usare questo mezzo milione al giorno per migliorare le condizioni di vita di quelle persone che invece sono sottonutrite?… oltre a cio’ oltre 20.000 persone muoiono di fame ogni giorno.

Consumiamo oltre 300 milioni di MWh al giorno di cui oltre 250 milioni prodotti da fonti non rinnovabili… non possiamo andare avanti molto… facciamo debiti anche li!

Vi lascio con un ultimo dato… uno che spazza via tutti quelli sopra, almeno ai miei occhi: siamo oltre 6.9 miliardi di esseri umani su questo povero pianeta e cresciamo al ritmo di 160.000 al giorno. Questo dato mi terrorizza: quando comincera’ la crisi, quella vera, quella dell’acqua potabile, quella del cibo, quella degli spazi verdi? Sopravvivera’ qualcuno o faremo la fine dei dinosauri? Immagino un futuro visitatore da un altro pianeta che scopre il fossile di un essere umano e si domanda quale catastrofe cosmica ci abbia sterminato… chissa’ cosa pensera’ quando dovesse scoprire la ragione della nostra estinzione: l’ingordigia!

Annunci

2 responses to “Equilibrismi e squilibri sociali: la vera crisi non sara’ economica, ma ecologica?

  • tobymallon

    Già… il turbocapitalismo vuole la crescita continua, senza tener conto di limiti fisici, e invece di iniziare a pensare a un nuovo modello di società preferiamo indicare i pericoli della decrescita demografica.
    Mi chiedo quale paese cederà per primo, sotto il peso di una popolazione insostenibile, quando succederà l’esodo di questi mesi dal Nord Africa ci sembrerà una gita scolastica.

  • jgwolf

    Il Capitalismo ed il Marxismo in fondo sono funzionali l’uno all’altro. Nessuno dei due prende seriamente in considerazione i limiti dell’ambiente in cui viviamo ed entrambi incarnano un modo di vedere l’Universo tipico delle tre religioni Abramitiche: l’Uomo e’ superiore e tutto e’ stato creato per lui. Se chiedessimo ad un Giapponese ci direbbe che l’essere umano e’ parte di un tutto e che deve essere capace di capire ed integrarsi in cio’ che lo circonda. Ci sono persone che sono venerate come degli dei solo perche’ hanno raggiunto la (quasi)perfezione in cio’ che facevano da vivi… per i monoteisti questo e’ impensabile perche’ la differenza tra dio e l’essere umano e’ incolmabile. Di conseguenza pensare che un dio assoluto ci abbia creati ci autorizza in qualche modo a sentirci padroni di tutto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: