TAV, la finta ferrovia e la bufala dell’autostrada viaggiante

Tutte le volte che ne parlo, sia nei vari blog sia di persona finisce che quasi litigo. Sara’ che la mia posizione e’ quantomeno particolare, nel senso che sono favorevole al trasporto merci su rotaia, ma totalmente contrario al progetto TAV in Val Susa. Il perche’ io sia favorevole al trasporto su rotaia e’ fin banale, basta fare un giro sulle nostre strade ed autostrade per renderci conto della totale saturazione di mezzi pesanti. Su di un’autostrada a due corsie si e’ sempre dietro a qualche bestione che sorpassa una fila di colleghi andando ad un chilometro all’ora in piu’… Al di la della pericolosita’ insita in queste situazioni bisogna renderci conto che una frammentazione cosi’ grande apre la porta oltre che ad una lobby decisamente potente (quella dei trasportatori, medi e grandi) anche ad una serie di subappalti che abbattono progressivamente i compensi per gli autisti o i cosiddetti “padroncini” costretti a guidare per ore e a pestare sull’acceleratore per guadagnare qualche ora lungo la tratta che stan percorrendo. Avrete tutti notato che i centri di logistica nascono come funghi un po’ ovunque e che le infrastrutture attorno rimangono pressoche’ immutate, salvo degradarsi per il continuo passaggio di camion da 40 tonnellate. Questo costo viene spalmato sui contribuenti che comunque devono anche sorbirsi il disagio dovuto all’aumento del traffico pesante. Oltre a cio’ il personale che serve i centri di logistica e’ spessissimo a bassa qualificazione e viene preso a basso costo dalle agenzie di lavoro interinale. Alla fine l’apertura di un polo logistico non garantisce il lavoro per i residenti, ma richiama nell’area persone disposte a lavorare con basse garanzie e con ancor piu’ bassi salari. I poli logistici dovrebbero essere costruiti presso le linee ferroviarie ed essere impiegati per rifornire mezzi a medio e piccolo carico per la distribuzione all’interno di un area con al massimo 50/70 km di raggio. Questo renderebbe inutili i bestioni da 40 tonnellate a pieno carico, salvaguarderebbe le strade (e le tasche dei cittadini) e soprattutto aprirebbe le porte ad un nuovo modo di usare le infrastrutture. Il sistema di stoccaggio e distribuzione andrebbe modernizzato con l’uso di tecnologie ed informatica cosi’ da poter usare personale con una maggiore qualificazione, magari con contratti a tempo indeterminato per far si che la qualita’ del servizio rimanga alta.

Ma se mi piace cosi’ tanto il trasporto su rotaia perche’ sono contrario alla TAV? Semplicemente perche’ la TAV non e’ un’estensione del concetto di trasporto su rotaia, ma un modo per cavare piu’ soldi senza voler realmente ridimensionare il trasporto su strada. Il concetto di autostrada viaggiante tanto caro ai Francesi e’ un’aberrazione economica. Quando si decide di trasportare qualcosa ci sono dei costi “fissi” dovuti, per esempio ai contenitori. Se carico un payload su una nave questi mi faranno pagare una certa cifra che sara’ calcolata dal maggiore dei due valori: o il peso o il volume. Se questo payload e’ “containerizzato” paghero’ una cifra fissa perche’ il trasportatore ha gia’ calcolato che il container al massimo puo’ pesare tot e che il suo volume e’ fisso. In pratica la cifra che versero’ all’armatore della nave terra’ in conto sia il payload sia il peso del container vuoto, cioe’ la tara. Se io fossi cosi’ stupido da caricare anche il camion con cui ho trasportato il container al porto mi toccherebbe pagare anche per il peso del camion che sul totale puo’ incidere anche per il 30%. A questo punto qualcuno mi sa dire dove sia il guadagno a far viaggiare un camion con tutto il suo carico per un tratto di ferrovia costruita ad hoc e che poi comunque mi intasera’ le autosrade appena a valle della Val Susa? Non sarebbe forse logico far viaggiare solo il container direttamente da Lione a Torino e poi distribuire localmente le marce con furgoni o motrici con peso a pieno carico fino a 10 o 15 tonnellate? Il costo maggiore per il trasporto dei camion sulla tratta di TAV verra’ ovviamente scaricato sull’utente finale, sul consumatore, quindi chi la vuol costruire ne avra’ un guadagno…mentre noi “consumatori” decisamente no.

Con l’esperienza ho imparato che a parte nelle emergenze, quel che conta nel trasporto merci e’ la quantita’, l’affidabilita’ della linea e l’efficenza dei nodi. La TAV non risponde a nessuno dei tre requisiti, quindi e’ inutile. La TAV portera’ piu’ tara, quindi meno quantita’, la TAV non e’ detto che sara’ piu’ efficente di una normale linea e non influira’ positivamente sull’efficenza dei nodi (poli logistici) anzi finira’ con l’intasarli.

Per i patiti degli USA aggiungo che la velocita’ media delle merci in America e’ compresa tra i 30 ed i 50 km/h (dati ritrovabili facilmente sulla Rete)… ma i treni sono spesso dei mostri lunghissimi per caricare il piu’ possibile per spalmare i costi in maniera efficente.

Invito anche a leggere un articolo di Guido Viale che trovate a questo indirizzo, da molti buoni motivi per non essere pro TAV…

Annunci

7 responses to “TAV, la finta ferrovia e la bufala dell’autostrada viaggiante

  • tobymallon

    Io amo i treni, ci ho passato sopra molto tempo, in Egitto, Tunisia, India, la Transiberiana e mezza Europa, e mi sento a disagio quando si critica la costruzione di una ferrovia. Devo dire però che farne un’autostrada ferroviaria è un tarpare le ali al treno, assogettandolo a seguire i flussi e i ritmi dei camion, vanificandone pertanto l’utilità. Gli altri argomenti contro la linea sono validi, ma solo se considerati adesso, in futuro le cose potrebbero essere diverse, in special modo penso al trasporto aereo, il canarino del picco, che potrebbe essere sostituito dalla ferrovia.

  • kerrikick

    Di fatto la TAV non e’ una ferrovia, ma semplicemente un passante che vorrebbe far transitare i camion (non le merci) da un versante all’altro. Non sarebbe integrata nel sistema ferroviario, non darebbe fluidita’ al traffico stradale perche’ semplicemente farebbe da giunzione tra due pezzi di autostrada, e farebbe scempio della valle perforando un numero enorme di nuove gallerie, intercettando falde, generando detrito da smaltire… Io appoggio lo sviluppo della “vecchia” linea perche’ e’ parte della rete, perche’ e’ utile non solo alle merci ma anche alla gente che il treno lo usa per andare al lavoro tutti i giorni e perche’ trovo idiota che i nostri “amministratori” credano di poter fare arricchire le loro lobby dandoci da mangiare le solite stronzate… Mi auguro che i Valsusini tengano duro e che il resto d’Italia si schieri con loro anche per avere un sistema ferroviario efficente e per non sentire piu’ parlare di rami secchi… piuttosto vietiamo l’ingresso in citta’ in auto ai non residenti…

  • tobymallon

    Quando fu proposto il raddoppio della vecchia linea i valsusini si opposero…. in quanto allo scempio della valle sono state costruite case nelle curve dei tornanti, secondo me molto più impattanti di una galleria… in effetti cosa si vede di una galleria?
    Ingresso e uscita, fine, i chilometri all’aperto nella valle sarebbero solo 3.
    E credo che il portare camion non sia l’unica opzione della linea, se lo fosse in effetti sarebbe una scemata.

  • kerrikick

    In effetti la linea avra’ (ovviamente) carri passeggeri, cosi’ come li ha la linea che passa sotto la manica. Come certo saprai pero’ il concetto stesso che sottende ai treni ad alta velocita’ e’ la possibilita’ di connettere citta’ relativamente distanti (oltre 200 km)senza fermate intermedie altrimenti la media se ne va a farsi benedire… In questo caso la linea passeggeri dovrebbe essere semplicemente Torino-Lione, senza altre fermate. Sicuramente quando il petrolio dovesse volare a 150 dollari fissi al barile (e non e’ che manchi molto) verosimilmente le compagnie aeree low cost collasseranno, ma per allora seremo anche in una fottuta crisi energetica e non vedo come si potranno alimentare treni ad alta velocita’. Intendiamoci, a me piacciono molto, ma non credo che la tratta in Val Susa sia logica e penso che circa 80 km di gallerie faranno un sacco di danni dal punto di vista idrogeologico… magari mi sbaglio ma a rivedere gli studi c’e’ sempre qualcosa che non mi convince

  • tobymallon

    I treni per loro natura possono essere tranquillamente alimentati da elettricità ricavata da rinnovabili, per gli aerei è molto più difficile, anche se gli USA hanno sperimentato aerei con motori elettrici… erano però alimentati da una centrale nucleare, mi pare fossero bombardieri B36 modificati. iniziare a sostituire le tratte aeree più brevi, come la Torino Lione con treni non sarebbe una cattiva idea, già i voli sulla Lione Parigi sono passati da una ventina al giorno a cinque, a causa dell’alta velocità. Quanto all’impatto di una galleria esiste, inutile negarlo, si tratta di decidere se il beneficio in termini ambientali supera il danno… e magari iniziare a dire che dovremmo prepararci a un mondo meno veloce e meno sprecone.

    • kerrikick

      Non posso che concordare, semplicemente vedo poco sforzo (in Italia, ma non solo) nei confronti delle energie rinnovabili, mentre noto una gran “fame” verso le “grandi opere”… la cosa mi insospettisce alquanto.
      Comunque sono da sempre favorevole ai treni, quindi sfondi una porta aperta… solo che la Torino-Lione non mi convince… sono restio ad abbandonare una linea che funziona per passare ad un’altra a meno che non mi si spieghi bene il perche’…
      Rimango comunque dell’opinione che il passante cosi’ com’e’ sia assurdo soprattutto perche’ non itegrato/integrabile nella rete nazionale per questioni di scartamento, differenza di convogli, etc…

  • Stranieri licenziati per aver protestato “Alla Tnt di Piacenza calpestati i diritti” « orbitsville

    […] tempo fa scrissi questo post sulla tav e in un passaggio descrivevo l’attuale situazione dei poli (o nodi) logistici in Italia. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: