Come ho portato i soldi in Svizzera – parte seconda

Mentre l’estate avanza inesorabile il balletto attorno alla crisi si ferma per un po’, senza però che si sia intraveda alcuna soluzione positiva, almeno a breve termine; si sta studiando un piano abbatti-debito che nelle intenzioni del governo porterebbe finalmente a una riduzione del nostro enorme disavanzo, mi vengono in mente due considerazioni cattivelle.

La prima è che se spendo più di quello che guadagno in ogni caso vendere l’auto, l’orologio e la casa mi darà un sollievo sul breve periodo, poi peggiorerà la mia situazione, il che a ben guardare è quanto successo con l’Euro, abbiamo risparmiato una baraccata di soldi grazie ai tassi contenuti che pagavamo grazie alla moneta unica, ma i nostri politici li hanno sprecati e adesso siamo messi peggio di prima.

La seconda è che vendere adesso significa svendere, dopo aver fatto diminuire il valore degli immobili e delle aziende metterli sul mercato non mi pare un’idea tanto buona, o magari è buona per gli amici che possono comperare.

E quando parlo di vendere mi riferisco anche alla ventilata creazione di un fondo immobiliare, se lo diamo come garanzia dei nostri debiti indovinate un po’ che fine farà?

Io penso che la situazione sia disperata, con un PIL in discesa al 2,5% e un crollo del 7% della produzione industriale, anche la tanto osannata “spending review” ha partorito un topolino, e non ha toccato le immense aree di privilegio; qualcuno parla di mettere l’oro della Banca d’italia a garanzia del fondo taglia debito, altri tassare i fondi cifrati in Svizzera, dopo aver lasciato il tempo agli amici di andarsene, ovviamente, e prima di andare in vacanza Monti ha incontrato Fini per avvertirlo di una possibile convocazione della camera in caso di attacco speculativo.

E questo per essere pronti a chiedere l’intervento del fondo salvastati, per dire di come la situazione sia veramente da brividi, la possibilità di interventi come prestiti forzosi o megapatrimoniali cresce in continuazione.

Ma chi ha portato i soldi fuori dall’area Euro può stare relativamente tranquillo, almeno quelli non possono essere bloccati e fatti confluire nell’enorme calderone del nostro debito.

Quali sono però gli obblighi e le tasse che un cittadino con un conto non cifrato in Svizzera deve rispettare?

Prima di tutto c’è l’obbligo della dichiarazione, ovvero i movimenti e le somme detenute al 31 dicembre sul conto vanno dichiarati nella denuncia dei redditi, nel riquadro RW.

Le rendite finanziarie sono assogettate all’imposta del 20%, se si sono pagate delle tasse in Svizzera si può usufruire del credito d’imposta.

Inoltre il decreto “Salva Italia” ha introdotto una tassa sul patrimonio detenuto nei paesi esteri, pari all’uno per mille nel 2011/2012 e all’uno e mezzo per mille dal 2013 in poi, con un minimo di 34,20 Euro, un’imposta tutto sommato contenuta, almeno per ora, che ricalca quella che si paga in Italia.

Qindi da un punto di vista fiscale non si risparmia nulla, non c’è differenza tra quanto si paga in una banca italiana, la differenza sta nel fatto che le banche svizzere resterebbero aperte anche in caso di blocco delle banche italiane.

E’ evidente che il blocco delle banche è un’ipotesi estrema, vi si ricorrerebbe solo nel caso di uscita dall’Euro del paese, il venerdì notte si annuncia la chiusura per una settimana e quando le banche riaprono ci si ritrova con la Lira.

Se credete che questa sarà la nostra fine allora l’opzione Svizzera la dovreste prendere in considerazione, io sono pessimista per natura, e del resto i cigni neri ultimamente saltano fuori un po’ troppo spesso per i miei gusti.

 

 

 

Annunci

2 responses to “Come ho portato i soldi in Svizzera – parte seconda

  • jackilnero

    ci sarà una parte terza? 🙂

  • Johnc160

    Hi there would you mind letting me know which webhost you’re utilizing? I’ve loaded your blog in 3 different web browsers and I must say this blog loads a lot quicker then most. Can you suggest a good web hosting provider at a honest price? Thanks a lot, I appreciate it! dffbfekcegbd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: