Da cosa si riconosce un paese improbabile?

Attenti a qui due!Sostanzialmente se nessuno trova pazzesco che un neoeletto segretario del maggior partito della sinistra incontri un pluripregiudicato espulso dal parlamento per una condanna definitiva (dopo un numero notevole di prescrizioni… o di non condanne perchè l’azione in questione è stata depenalizzata dal suo governo), per poter trovare un accordo sulle “riforme” di certo si è in un paese pazzesco…

Ovviamente nessun paese evoluto accetterebbe una cosa simile. La base del partito della sinistra prenderebbe sonoramente a calci il suo segretario spedendolo definitivamente a vendere cocco su una spiaggia e anche gli elettori di destra si stupirebbero che il signore pluri inquisito, pregiudicato e pluri prescritto ancora faccia i fatti suoi con la destra italiana…

Ma ovviamente questo era già successo nel 1994 con tale D’Alema e già allora nessuno aveva trovato la cosa strana… in fondo una seconda opportunità non si nega a nessuno, anche a costo di affondare un Paese nel ridicolo cacciandolo nel girone più basso della malapolitica… alla faccia della crisi economica, dell’etica politica e del buon senso.

Sul Garzanti alla voce “improbabile” dovrebbero aggiungere anche la descrizione di questo povero Paese…

Annunci

3 responses to “Da cosa si riconosce un paese improbabile?

  • jackilnero

    Capisco la logica di fondo, che è ineccepibile, ma stavolta non mi trovo così d’accordo.
    Senza stare ad analizzare nel dettaglio pro e contro delle scelte, mi pare che Renzi si stia parando il culo e cercando in ogni modo di ottenere quel che vuole. Concentrandosi sul lato pratico, alla fine Mr.B è quello che detiene ancora una buona percentuale di consenso/appoggio/voti degli italiani, non Alfano e altri che sono nani a confronto (per quanto mi riesca difficile capire come una brava persona di destra possa ancora perseverare in questo schifo).
    il M5S (anzi Grillo) d’altra parte ha preferito smarcarsi da qualsiasi responsabilità/opportunità e ha lasciato campo libero al PD.
    Ho letto da qualche parte che la cosa assurda non è stata “parlare” con Berlusconi, ma l’averci governato… mi trovo abbastanza d’accordo

    • jgwolf

      Concordo con la tua ultima affermazione, aver governato con B è una cosa assolutamente imperdonabile, ma non apprezzo che una persona che è o si presenta come “il nuovo” semplicemente replichi comportamenti ben conosciuti. Ciò che non accetto è che per ottenere ciò che si vuole si “ri” sdogani il simbolo dell’italica decadenza. B non è così importante da essere il motivo della nostra decadenza, ma ne rappresenta in totto tutto il male…
      Ho sperato che finalmente ci fossimo liberati di questo simbolo, purtroppo ancora una volta chi dovrebbe darci una via differente ci riporta sulla medesima strada.
      Non accetto neppure che a B venga riconosciuta la possibilità di riscrivere le regole. Ha già dimostrato più e più volte di avere a cuore solo i suoi interessi, ad una persona del genere non dovrebbe essere conceso di governare, figuriamoci di decidere sulle regole…
      Se vogliamo liberarci di B la via è semplice: svuotarlo del suo potere, non considerarlo… si sgonfierà da solo. Fintanto che lo faremo parlare avrà potere… avrà la possibilità di influenzare e darà a tutti coloro che credono nel sistema dei furbi la possibilità di continuare ad inquinare… cadremo e ci schianteremo… tutti qui.

      • jackilnero

        in teoria è così anche per me, ma nella pratica c’è un dato su cui discordiamo, ovvero l’importanza di B. Posto che dovrebbe (letto come “sarebbe giusto che”) essere prossima allo zero, nella realtà pare abbia ancora un gran numero di consensi.
        Per quanto sia un gioco pericoloso Renzi potrebbe voler solleticare l’elettorato Berlusconiano non presentandosi come il solito “comunista antagonista” , ma come possibililtà alternativa. E a quel che ricordo una volta B aveva paura proprio di questo.
        Staremo a vedere 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: