La misericordia e’ la forma piu’ elevata di amore…

Riporto qui una lettera di Francesca Barra al sindaco (con la minuscola…) di Verona. Trovo terribile che si arrivi (ancora) a considerare i piu’ sfortunati come “fastidiosi” fino al punto di multare chi li aiuta. A dirla tutta mi hanno preoccupato maggiormente i commenti all’articolo linkato piu’ sopra perche’ esprimono un modo di pensare semplicemente fazioso. Frasi tipo “sei preoccupato perche’ questa gentaglia viene cacciata? beh allora vienitela a prendere” o ” in germania non li vedi in giro”. La prima dimostra una mancanza di buon senso incredibile, la seconda denota scarsa conoscenza di qualunque cosa esuli dal proprio circondario. In germania lo stato sociale e’ ancora di buon livello e chi ha meno viene ancora aiutato dallo Stato (qualcuno ancora sa perche’ viviamo in societa’ e non isolati nei boschi?)

Spero che Francesca non se la prenda se la ribloggo senza chiedere il permesso… vi regalo anche la canzone che questa “legge” mi ha riportato alla mente

Gentilissimo sindaco Flavio Tosi,

lei sta promuovendo un’azione disumana e miope. Sta incoraggiando a vergognarsi della povertà. Allontanando uomini e donne dalla carità, come se fossero sagome di cui una città. Si deve vergognare. Ma io mi vergogno che esista la povertà, nel 2014. Che esistano disperazioni del genere. Mi imbarazzano simili misure come quella che Lei ha voluto adottare, che non tengono conto della soglia di povertà in cui le vittime della crisi sono sprofondate.

Mi vergogno di amministrazioni prive di coscienza, della totale assenza di politiche sociali, di sostegni psicologici, superiori ai milioni di poveri che hanno perso tutto a causa di un destino sadico e vigliacco. Sono invisibili fino a quando non invadono i “nostri spazi”. Ma sono umanità tanto quanto noi. E come noi soffrono, sognano, pensano, amano e si amano. Solo con molta più tristezza e rassegnazione. Ho vissuto con i senzatetto per quasi un mese, per un’inchiesta. Ho conosciuto madri di tre, quattro, perfino cinque figli, lavoratrici, mangiare alle mense, dormire nei dormitori, a terra, sui cartoni o sulle panchine. Padri separati, artigiani, ex imprenditori. Persone che hanno dedicato tutta la vita al lavoro, alle responsabilità. Che hanno pagato le tasse. E magari hanno perfino votato per lei e per altri amministratori che oggi li considerano scarti, da tenere alla larga. E le assicuro che se potessero, starebbero volentieri seduti nel salotto di casa, piuttosto che nel centro della sua città, all’aperto, al freddo, al gelo e con scomodità che piegherebbero chi, come lei, forse non ha mai provato nemmeno un giorno a mettersi nei loro panni.

La invito a seguirmi, in forma anonima, per un tour in quello che qualcuno chiama inferno, substrato urbano. Vorrei condurla ad ascoltare passati e storie meravigliose. A lasciarsi affascinare dalla forza, dall’energia, dalla generosità di persone che non hanno più nulla. Tutti dovremmo sederci alla tavola dei poveri, diceva Don Gallo. Ho conosciuto giovani artisti, di grande cultura. Bambini venduti da mafie e giunti da ogni parte del mondo. Anziani sfrattati, che vivono vicino le stazioni. Ho conosciuto, io. Perché ho voluto conoscere i loro nomi. Le loro storie. Perché non mi sono mai seduta su comodi scranni, giudicando cosa fosse giusto, sbagliato, bello o indecoroso.

Le consiglio di non sbandierare la sua fortuna, di non sentirsi esente dal rischio di poter un giorno, perdere improvvisamente tutto ed essere destinato a fame, morte, solitudine, ingratitudine. Il bene e la bontà non fanno notizia, talvolta. Ma non dobbiamo avere paura di sovvertire queste leggi. Perché la bellezza delle nostre città è sostenuta anche dalla generosità dell’animo umano. Forse la solidarietà non basta più. Forse deve diventare più forte il diritto, la giustizia. Il diritto alla vita, all’amore, all’accoglienza.

Lo sa cosa ha detto qualche giorno fa una bambina, in mensa alla sua mamma? Che bello, oggi c’è il cordon bleu. Come se fosse un dono,come se stesse per sedersi al ristorante. Ma quella bambina crescerà, diventerà una donna. Ed io spero che possa incrociare il suo sguardo e quello dei milioni di poveri che lei farà sloggiare dal salotto della sua città, perché sporcano l’equilibrio e l’armonia di Verona. Che non è sua. E una multa a chi dà il cibo in piazza, come se stessero sfamando randagi, lede il diritto alla vita. E’ perfino perseguibile, secondo me, perché non c’è azione più razzista di questa. “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere, ero forestiero e mi avete ospitato”, le ricorda nulla?

Grazie

Francesca Barra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: