Un paese senza speranza

Cosa definisce il futuro di qualsiasi società se non quanto la società stessa è disposta ad investire sul proprio futuro? La scuola, la salute pubblica, la sicurezza sociale sono punti fondamentali per qualunque Nazione e se vediamo che si tagliano le spese per queste voci dovremmo renderci conto che stiamo tagliando il nostro futuro.

Quando vi dicono che “sarebbe il caso” di avere un’assicurazione privata per coprire i rischi per la salute non solo vi dicono che le vostre tasse non bastano a garantirvi una copertura sanitaria decente, ma vi dicono anche che l’articolo 32 della Costituzione non vale…

Quando lo Stato sovvenziona le scuole private toglie risorse alla scuola pubblica che negli ultimi decenni è stata depauperata di fondi da dedicare alla crescita del personale e che in qualche caso regge ancora solo grazie all’impegno degli insegnanti, considerati in generale una casta di privilegiati, ma che a fronte di una professione fondamentale ricevono spesso poca considerazione e stipendi ridicoli. Dovremmo essere più selettivi in sede di assunzione, ma poi dovremmo tenere nel giusto conto il valore di una professione fondamentale per tutta la Società.

Quando vi raccontano che per risolvere il problema del traffico si devono costruire più strade è come se vi docessero che per risolvere un’epidemia di diarrea basta costruire più bagni pubblici… La Nazione ha l’obbligo di tutelare l’ambiente e non deve accettare di sprecare risorse per arricchire chicchessia. Le risorse naturali sono di tutti e quindi devono essere gestite dalla Nazione nell’interesse di tutti i cittadini e soprattutto nell’interesse delle generazioni future. Il terreno che ricopri di cemento o asfalto è terreno rubato ai tuoi figli.

Quando vi chiedono un ecopass per entrare in città e non migliorano le condizioni dei mezzi pubblici vi stanno solo rubando dei soldi dopo avervi convinto che “auotomobile è bello”. In pratica vi pisciano in testa e vi dicono che sta piovendo…

Quando entrate in un pronto soccorso e aspettate 8 ore agonizzante su una sedia per poi scoprire che rischiate di crepare con una peritonite non solo avete a che fare con medici idioti e demotivati, ma anche con uno Stato che delega al privato ciò che per Costituzione dovrebbe fare… il tutto solo nel nome del Business

Ma quanto sopra non è il motivo per cui penso che l’Italia non abbia speranza. Questa Nazione non ha speranza perché nonostante tutto non siamo ancora scesi in piazza incazzati come belve, perché gli argomenti fondamentali sono il calcio ed i siti di scommesse che dilagano sempre di più come in tutti i paesi del terzo mondo, perché se la scuola non funziona è sempre e solo colpa dei professori e mai dei genitori che li squalificano agli occhi dei figli, se entriamo in un ospedale e siamo accolti male è solo colpa dei medici e non del clientelismo che vuole anche medici ignoranti che rovinano l’ambiente a quelli preparati e coscienziosi e soprattutto non è mai colpa dei fondi spesi per “le grandi opere” e per gli F35 e tolti alla sanità pubblica…

Ecco, il nostro Paese non ha speranza perché noi siamo dei cazzoni che non sono disposti a rischiare nulla per migliorare. Siamo legati al nostro misero quotidiano e non accettiamo di dover essere artefici del nostro destino.

Stiamo attendendo l’ennesimo messia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: