La società multiculturale puzza

 

tnx-13978-fotonizza2-kzsh-u109539609101587-1024x576lastampa-it

Credo che anche chi non abbia un senso del fiuto molto fino inizi a sentire uno sgradevole odore provenire dalla cosa misteriosa chiamata società multiculturale.

Certo, secondo molti le società multiculturali ci sono sempre state, per esempio gli imperi russo, ottomano e asburgico, la Cina degli Han, l’India dei Moghul, Incas e Aztechi.

Tutte società libere e democratiche, finite con la dissoluzione o in un bagno di sangue come nel caso dell’India e della Russia.

Esempi più vicini a noi sono l’Unione Sovietica e la Jugoslavia, altre società democratiche che si sono dissolte, la Jugoslavia concedendosi anche lei i suoi bei massacri, i bolscevichi con qualche problema di terrorismo ceceno.

Le società multiculturali attuali sono parecchie, gli Stati Uniti, la Svizzera e diversi stati europei, ma funzionano davvero?

La Svizzera certamente si, mentre le cose negli USA sembrano prendere una brutta piega, con un conflitto razziale ancora vivo dopo 150 dalla fine della guerra civile. I paesi europei non sembrano messi meglio, anzi, le seconde generazioni di immigrati musulmani non sembrano disposte a integrarsi e nemmeno a coesistere con culture diverse.

A loro la multiculturalità non piace affatto, se devo essere sincero non piace nemmeno a me.

 

Annunci

One response to “La società multiculturale puzza

  • jgwolf

    Le società multiculturali sono una contraddizione in termini. Ogni gruppo umano quando comicia a vivere assieme crea una cultura… non un numero di culture separate. Dirò di più, è ora che la smettano di riempirsi la bocca con la solita parola “integrazione”. Da quel che si capisce integrazione significa che il paese ospite si debba adattare a chi arriva. Questo ha tutti i connotati di un’invasione. In una situazione normale è chi arriva ad avere il dovere di adattarsi al posto in cui giunge.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/19/attentato-nizza-leader-delle-comunita-islamiche-basta-parole-unico-anticorpo-sono-i-pieni-diritti-come-la-cittadinanza/2908537/

    Come si vede nell’articolo linkato il coordinatore dei mussulmani lombardi chiede più diritti e luoghi di culto… in pratica non accetta di essere in Italia, ma vorrebbe che l’Italia si adattasse (anche in fretta). La cittadinanza non si ottine (o non si dovrebbe ottenere) solo perché si risiede da tempo in un posto, ma perché oltre ad esserne parte del tessuto sociale se ne sono anche assorbite le tradizioni. Se non ti importa non ci sono mica problemi, puoi essere residente e avrai tutti i diritti garantiti ad ogni residente, ma non potrai essere cittadino. Non significa certo una conversione al cristianesimo, che da ateo convinto ritengo inutile, ma semplicemente l’accettazione che l’Europa ha tradizioni antiche e profonde ed è stata forgiata da secoli di lotte per il raggiungimento di un certo tipo di diritti. Ancora oggi ci si batte per l’uguaglianza di diritti di fronte alla legge, ma perché dovremmo accettare di assimilare una cultura che ritiene la donna in qualche modo non adatta alla vita sociale? (almeno non nel senso che anni di “femminismo” hanno insegnato…)

    Aggiungerei anche che quasi tutti gli attentatori degli ultimi anni in Francia erano cittadini Europei… quindi questo dovrebbe bastare a smontare la richiesta di Davide Picardo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: