Archivi tag: Attentato

La società multiculturale puzza

 

tnx-13978-fotonizza2-kzsh-u109539609101587-1024x576lastampa-it

Credo che anche chi non abbia un senso del fiuto molto fino inizi a sentire uno sgradevole odore provenire dalla cosa misteriosa chiamata società multiculturale.

Certo, secondo molti le società multiculturali ci sono sempre state, per esempio gli imperi russo, ottomano e asburgico, la Cina degli Han, l’India dei Moghul, Incas e Aztechi.

Tutte società libere e democratiche, finite con la dissoluzione o in un bagno di sangue come nel caso dell’India e della Russia.

Esempi più vicini a noi sono l’Unione Sovietica e la Jugoslavia, altre società democratiche che si sono dissolte, la Jugoslavia concedendosi anche lei i suoi bei massacri, i bolscevichi con qualche problema di terrorismo ceceno.

Le società multiculturali attuali sono parecchie, gli Stati Uniti, la Svizzera e diversi stati europei, ma funzionano davvero?

La Svizzera certamente si, mentre le cose negli USA sembrano prendere una brutta piega, con un conflitto razziale ancora vivo dopo 150 dalla fine della guerra civile. I paesi europei non sembrano messi meglio, anzi, le seconde generazioni di immigrati musulmani non sembrano disposte a integrarsi e nemmeno a coesistere con culture diverse.

A loro la multiculturalità non piace affatto, se devo essere sincero non piace nemmeno a me.

 

Annunci

Boston, noi che corriamo e basta

Noi corriamo e basta, la meta è dentro di noi, non da qualche parte sotto il traguardo. Ognuno col suo passo, con il suo respiro e la sua fatica. Con quel piacere che solo chi corre può provare. Si esce la sera dopo il lavoro, col freddo ed il buio dell’inverno per una passione semplice come camminare, come correre. Vediamo le stagioni con occhi che sono rimasti quelli di quando eravamo bambini, aspettiamo la primavera con le giornate che si allungano e l’aria che intiepidisce, viviamo l’estate con le sue giornate lunghissime per correre col sole che cala lento sull’orizzonte. E poi l’autunno con i suoi colori dipinti sulle foglie. Corriamo. I più bravi tra noi corrono forte e fanno gare importanti, ma anche noi siamo lì, arriviamo magari un’ora dopo…qualcuno anche due o tre, ma non importa: noi corriamo perché correre è un piacere prima di tutto.

Arriviamo magari un’ora dopo…

Quando un pazzo ha deciso che non dobbiamo più correre e una bomba esplode e uccide, amputa e martirizza la carne di persone che semplicemente partecipavano di una gioia semplice.

Non so e non mi interessano i motivi, i complotti, le teorie… quello che so è che se ora si può correre solo per scappare allora questo è veramente un mondo di merda!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: