Archivi tag: immigrati

Risse stradali

Oggi andando dall’aeroporto ho assistito ad una scena da film con protagonisti degli immigrati su auto di grossa cilindrata. La X5 nella foto ha sorpassato tutta la fila al semaforo e ne sono scesi un Sikh e l’individuo nella foto e si sono messi a litigare con gli occupanti dell’auto che stavano inseguendo. Il tutto è durato pochi secondi poi il traffico ha posto fine alla sceneggiata.

Domanda al governo ed al patetico parlamento europeo: non abbiamo già abbastanza cazzi di nostro senza “accogliere”criminali da tutto il mondo?


Tour operator Navy

Altri 700 “profughi” arrivano in Italia a bordo di una nave da guerra della Marina Militare Italiana salvati, per così dire, a poche miglia dalle coste libiche e accompagnati in Italia…
Ma sono solo io a pensare che ci sia qualcosa di sbagliato?


Stranieri licenziati per aver protestato “Alla Tnt di Piacenza calpestati i diritti”

Qualche tempo fa scrissi questo post sulla tav e in un passaggio descrivevo l’attuale situazione dei poli (o nodi) logistici in Italia. Affermavo che una delle cose estremamente negative del fiorire di poli logistici era costituita dalla bassa specializzazione delle stragrande maggioranza dei dipendenti e dal fatto che venissero presi “in affitto” da cooperative di lavoro interinale a salari imbarazzanti e praticamente senza alcuna protezione. Ne ho parlato su vari blog e vi lascio immaginare i cosiddetti liberisti cosa non mi han detto. Mi son sentito dare del comunista (!), mi han detto che affermavo cose assurde e che in Italia il lavoro è un diritto e che i poli di logistica e opere come la TAV, il ponte sullo stretto e la conversione della centrale di Polesine Camerini (Porto Tolle) avrebbero portato benessere ai cittadini di quelle zone.

Ora mi capita di leggere questo articolo e scopro che avevo colto nel segno. Gente che protesta (protestare è un atto legittimo garantito dalla Costituzione), per veder riconosciuti dei diritti o semplicemente per migliorare una situazione, si discute e  sembra che un accordo venga raggiunto per tornare al lavoro in attesa che venga aperto un tavolo di trattativa tra le parti… e poi “la security” pagata dalla TNT o dalle coop tiene fuori chi ha protestato dicendo che ha meno diritto al lavoro. Mi ricorda qualcosa successo negli USA davanti alle fabbriche della Ford quando i dirigenti dell’industria automobilistica americana facevano accordi con la mafia locale per smembrare il sindacato americano… anni venti se non sbaglio.

Signori, spiegatemi un po’ come impiegare manodopera a basso costo e da agenzie di lavoro interinale accresca la ricchezza di una zona. Se poi gli unici che riescono a vivere con i 4 soldi che ricevono da questi figuri sono degli immigrati abituati a sacrifici enormi io ho l’impressione che si avrà un proggressivo impoverimento della zona, trasformandola in qualcosa di molto simile ad una grande periferia degradata.

Spiegatemi come la conversione di una centrale che già ora funziona potrà garantire l’occupazione futura e lo sviluppo di un area rurale. Per info si veda questo post e magari anche questo: se in oltre vent’anni non siete riusciti ad attrarre industrie nella zona come pensate che un lavoro di per se a tempo determinato come la coversione di una centrale possa risolvere il problema del futuro di migliaia di giovani? Non è che anche voi come Tremonti scaricate i problemi su chi verrà dopo?

Una cosa comunque ve la spiego io: quello che si sta vedendo oggi a Piacenza è caporalato e i piacentini pensavano di essersene liberati da decenni, non so come reagiranno… sapete, sono gente rustica, abituata ad andare al sodo delle questioni


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: